Massimo Gambino è il nuovo questore

52

Napoletano di nascita, leccese di adozione, a Taranto si è insediato il nuovo questore Massimo Gambino. “In continuità con il questore Bellassai – ha affermato Gambino – porto avanti il lavoro di una squadra corposa e organizzata. Taranto sul tema sicurezza è a metà classifica tra le città italiane e di questo siamo contenti. L’impegno sarà massimo. Da oggi Taranto diventa la mia città, arrivo con grande entusiasmo e stimolo, perché quella tarantina è una realtà complessa. Non sarò il questore solo della città ma anche della sua provincia, che avrà un posto di rilievo nell’impegno quotidiano sul territorio. Contrasteremo la criminalità comune e non solo quella organizzata”. Il Dirigente Superiore della Polizia di Stato, dr. Massimo Gambino, 58 anni, è entrato nella Polizia di Stato nel settembre 1988 e fino al 1991 presso la Questura di Campobasso ha ricoperto i ruoli di Dirigente Digos ed Ufficio Stranieri. Tra il ’91 e il ’92 presso la Direzione Centrale della Polizia Criminale. Tra il 1992 e il 1996, è stato in forza al Centro interprovinciale Criminalpol Puglia-Basilicata e, successivamente, sino al 2005 alla Squadra Mobile di Lecce dove ha concluso numerose operazioni contro la criminalità comune ed organizzata, nonché è stato direttamente impegnato nelle attività di contrasto agli sbarchi clandestini ed indagini connesse. Nel periodo in esame sono stati costituiti gruppi di lavoro con l’FBI e la DEA statunitensi, con scambi diretti anche a Miami. Sempre negli stessi anni sono stati costituiti gruppi di lavoro misti italo-tedeschi ed italo-olandesi, per le indagini sui clan criminali operanti a livello internazionale. Dall’agosto 2005 e sino a luglio 2015 Capo di Gabinetto della Questura di Lecce, con funzioni di stretta collaborazione con il Questore, di raccordo dei vari Uffici e di pianificazione e predisposizione di tutti i servizi di ordine e sicurezza pubblica. Nel 2016 ha svolto le funzioni di Vicario del Questore di Perugia occupandosi di manifestazioni internazionali culturali e religiose, nonché dell’evento sismico che colpì l’Umbria nell’ottobre del 2016. Dal luglio del 2018 ha assunto l’incarico di Questore di Crotone.