Lunedì la sentenza del processo Ambiente Svenduto

60

Processo Ambiente Svenduto verso la fine del primo atto. Lunedì alle 10,00 la lettura della sentenza del maxi processo di primo grado per disastro ambientale dell’ex Ilva. L’appuntamento è nell’aula magna delle Scuole Sottoufficiali della Marina Militare. I giudici, della Corte d’Assise (presidente Stefania D’Errico, a latere Fulvia Misserini e 6 giudici popolari) sono letteramente chiusi in camera di consiglio dal 19 maggio scorso. Sono 35 le condanne richieste dal pm Mariano Buccoliero: 28 e 25 anni di carcere per Fabio e Nicola Riva, ai tempi proprietà insieme al defunto padre, 28 anni per l’ex direttore dello stabilimento di Taranto Luigi Capogrosso, 20 per il dirigente Adolfo Buffo, 17 anni per l’ex presidente di Ilva, già prefetto a Milano, Bruno Ferrante. All’esterno della sede della Scuola Sottoufficiali, le associazioni ambientaliste stanno organizzando presidi. Lunedì mattina di certo ci sarà Giustizia per Taranto, che lo ha già annunciato pubblicamente. “Nella speranza di una sentenza storica che restituisca giustizia alla città – scrivono dall’associazione- il mondo dell’attivismo tarantino sente la responsabilità di presidiare questo importante momento. Sarà, inoltre, anche occasione per ribadire che vera giustizia sarà fatta solo quando quegli impianti, oggetto di reati così gravi, saranno chiusi definitivamente! Per questo convochiamo per lunedì 31 maggio, alle ore 09,00, un presidio davanti le Scuole C.E.M.M. a San Vito, per vivere insieme il momento della lettura della sentenza”.