Oggi il Dantedì, l’omaggio al sommo poeta

69

Oggi Dantedì, il giorno di Dante. Giornata nazionale dedicata al sommo poeta. Il 25 marzo è la data che i dantisti riconoscono come l’inizio del viaggio nell’aldilà descritto  letterariamente nella “Divina Commedia”. Quest’anno il Dantedì ha una valenza simbolica ancora maggiore, perché cade in occasione del settimo centenario della morte del padre della lingua italiana. Molte le celebrazioni, anche nel territorio tarantino.

 Videomapping sul Castello Aragonese. Il Comune di Taranto sancirà l’inizio dell’anno dedicato al sommo poeta con la proiezione dell’immagine ufficiale del MIC – Ministero della Cultura sulla facciata del Castello Aragonese. Nella proiezione l’amministrazione ha voluto inserire i famosissimi primi versi della Divina Commedia, dal momento che la data del 25 marzo è stata scelta dagli studiosi proprio perché ritengono che iniziò quel giorno il viaggio ultraterreno che il poeta descrisse nei 14.233 versi che compongono il poema. “Per l’occasione, afferma l’assessore Marti,  abbiamo scelto un luogo simbolo della storia della nostra città, il Castello Aragonese. Ancora una volta, ringraziamo la Marina Militare per la grande disponibilità».

Anche il Museo Archeologico Nazionale di Taranto celebra il 700imo anniversario della morte di Dante Alighieri. Nella giornata celebrativa istituita nel 2020 dal MiBACT, i versi di Dante Alighieri incontrano i miti e le storie, raccontate all’interno del Museo Archeologico Nazionale di Taranto. Sotto gli hashtag ufficiali #DanteDì e #IoLeggoDante, il Museo  predispone una programmazione di eventi digitali che lo stesso MiBACT a livello nazionale ha voluto riconoscere. La mattina alle 11.00 in diretta dal primo piano del Museo, e sui canali Facebook e Youtube del MArTA, ci sarà un breve omaggio musicale offerto dalle giovani musiciste del Conservatorio “Giovanni Paisiello” di Taranto, Giovanna Delfino (chitarra), Gabriella Caroli (flauto) e Flora Contursi (voce). Alle ore 18.00 sarà la volta, invece, dell’approfondimento teso a mettere in evidenza possibili ambiguità e complicazioni del giudizio dantesco, che condanna agli inferi chi ha la pretesa di profetizzare il futuro, oggetto della conferenza della professoressa Beatrice Stasi, docente di letteratura italiana all’Università del Salento che  parlerà de “Il vate e i vaticini: su Inferno XX”. La relazione si terrà in diretta sul canale Facebook e Youtube del Museo Archeologico Nazionale di Taranto.

La Fondazione Paolo Grassi di Martina Franca, in collaborazione con il Comune di Martina Franca e Video M Italia, in occasione del Dantedì – giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri – proporrà al pubblico della WebTV e ai follower dei canali social della Fondazione, un appuntamento dal titolo “Dante in parole e musica” per celebrare il genio del poeta fiorentino e la sua fondamentale influenza nella cultura internazionale. Alle  19.30,  concerto con  la pianista Liubov Gromoglasova, la flautista Valeria Zaurino e l’attore Marco Bellocchio. Nella città di Martina Franca sono in cantiere molteplici iniziative, in particolare nelle scuole. Martina aveva già ricordato Dante nella “Biennale delle Memorie 2016” con la straordinaria recita delle tre cantiche della Divina Commedia  ed una partecipazione massiccia di lettrici e lettori di ogni ceto sociale. La scorsa estate il Comune ha contribuito alla realizzazione del cortometraggio “Beatrice”, ideato da Ottavio Cristofaro e prodotto dal Villaggio S. Agostino, che, nei prossimi giorni, sarà messo a disposizione delle scuole cittadine e della Mediateca comunale “I. Chirulli”.